VTP (Virtual Trunking Protocol)

Il VTP (Virtual Trunking Protocol) è un protocollo di livello 2 proprietario Cisco, il cui scopo è quello di mantenere allineato il database in cui sono contenute le VLAN comuni a più switch. Affinchè la propagazione delle informazioni avvenga correttamente, è necessario che tutti gli switch facciano parte dello stesso dominio VTP.

Uno switch può operare in tre modalità VTP:

Server: crea, modifica e cancella le VLAN per l’intero dominio VTP e salva le informazioni relative alle LAN virtuali all’interno dell’NVRAM. E’ la modalità di default per gli switch su cui viene abilitato il VTP;

Client: non può effettuare operazioni dirette sulle VLAN di dominio (ad esempio creazione o cancellazione) e non salva nell’NVRAM le informazioni inviate dal server, occupandosi esclusivamente di propagarle ai vicini;

Transparent: può eseguire il forwarding delle informazioni inviate dal server ma è caratterizzato dalla presenza di un database locale di VLAN, il quale non influenza il database di dominio.

Alcuni casi particolari di cui bisogna tener conto sono i seguenti:

1) l’aggiornamento inviato dal server ha un revision number inferiore rispetto a quello delle informazioni possedute dal client. In tal caso il client scarterà l’update proveniente dal server.

2) gli switch non riescono a mettere in sharing le loro VLAN. E’ molto probabile che il nome di dominio VTP non coincida in tutti gli switch del network.

3) il pruning mode dello switch è attivo: ciò significa che lo switch non invierà traffico broadcast, multicast o unknown (ovvero verso un’indirizzo non presente all’interno della CAM) su tutti i trunk, evitando spreco di risorse e di banda.

Inoltre, poichè in un dominio VTP possono esserci più server, si potrebbe verificare uno scenario del tutto sconveniente, in cui viene aggiunto uno switch che opera in modalità server e che possiede un revision number inferiore rispetto a quello dei server già attivi. Ciò farebbe in modo che sull’intero dominio VTP tutte le VLAN precedenti vengano sovrascritte da quelle presenti nel database del server appena aggiunto. Si potrebbe evitare ciò semplicemente aggiungendo una password nell’ambito dello stesso dominio VTP.

Per ciò che concerne la configurazione di tale protocollo, alcuni comandi utili sono i seguenti (per il server):

Switch1#vlan database

configuro il nome del dominio:

Switch1(vlan)# vtp domain CCNA

dichiaro le VLAN che dovranno essere propagate agli altri switch:

 Switch1(vlan)# vlan 2 name Administration
 Switch1(vlan)# vlan 3 name Students

configuro la password VTP:

Switch1(vlan)# vtp password Cisco

Nell’ambito del client, invece, mi basterà digitare:

Switch2#vlan database

dichiaro espressamente che lo switch deve operare in modalità client:

Switch2(vlan)# vtp client

configuro la password VTP:

Switch1(vlan)# vtp password Cisco

ed infine configuro il nome del dominio:

Switch2(vlan)# vtp domain CCNA

Per ciò che concerne la diagnostica possiamo digitare:

Switch# sh vtp status

il cui output è simile al seguente:

VTP Version                     : 2
 Configuration Revision          : 247
 Maximum VLANs supported locally : 1005
 Number of existing VLANs        : 33
 VTP Operating Mode              : Client
 VTP Domain Name                 : Lab_Network
 VTP Pruning Mode                : Enabled
 VTP V2 Mode                     : Disabled
 VTP Traps Generation            : Disabled
 MD5 digest                      : 0x45 0x52 0xB6 0xFD 0x63 0xC8 0x49 0x80
 Configuration last modified by 0.0.0.0 at 8-12-99 15:04:49
Switch# sh vtp counters

che mostra tutta una serie di statistiche associate allo scambio di pacchetti nell’ambito del protocollo in questione, ad esempio:

VTP statistics:
Summary advertisements received: 7
Subset advertisements received: 5
Request advertisements received: 0
Summary advertisements transmitted: 997
Subset advertisements transmitted: 13
Request advertisements transmitted: 3
Number of config revision errors: 0
Number of config digest errors: 0
Number of V1 summary errors: 0
VTP pruning statistics:

Trunk            Join Transmitted Join Received    Summary advts received
from on-pruning-capable device
---------------- ---------------- ---------------- ---------------------------
Fa5/8             43071            42766            5

Il post termina qui, a presto.

NB: tali comandi si riferiscono a CatOS.

VTP (Virtual Trunking Protocol)ultima modifica: 2010-12-29T14:20:38+01:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “VTP (Virtual Trunking Protocol)

  1. Un piccolo appunto sul “pruning”.
    Dato che in un trunk viaggiano le informazioni relative a tutte la VLAN disponibili (anche di quelle non presenti nello switch di destinazione), con il “pruning” attivo lo switch propaga solo il traffico verso VLAN che effettivamente sono presenti nell’altro switch. Così viene assicurato il corretto funzionamento di switching ma non viene sprecata inutilmente banda nei trunk.

    Ciao!

Lascia un commento