Nagios e gli event handlers

Come già affermato in più occasioni, Nagios è sicuramente uno dei migliori NMS open source in circolazione.  Esso mette a disposizione del sysadmin tutta una serie di funzioni utilissime per verificare lo stato di salute relativo agli host monitorati e consente, in alcune circostanze, di gestire i downtime in modo automatico (ad esempio riavviando il servizio che ha generato lo status di tipo CRITICAL).

Nagios_logo_blackTale gestione automatica dei downtime viene realizzata attraverso i cosiddetti event handlers. Vediamo come configurarli.

Per prima cosa è necessario creare un comando simile al seguente, editando il file /etc/nagios/object/commands.cfg

define command {
command_name      flushcache
command_line      /usr/lib/nagios/plugins/eventhandlers/flushcache $HOSTADDRESS$ $SERVICESTATE$ $SERVICESTATETYPE$ $SERVICEATTEMPT$
}

Nella fattispecie, il suddetto comando utulizza l’eseguibile flushcache, il cui compito è quello connettersi alla macchina target e di cancellare la cache del sistema operativo in caso di memory leak.

Occorre ora configurare l’event handler all’interno del servizio che si occupa del monitoraggio della RAM:

define service{        
use                            local-service              host_name                       vostrohost.vostrodominio.it        service_description             FREE RAM        check_command                   check_remote_ram!10!5        event_handler                   flushcache        notifications_enabled           0        
}

A questo punto la configurazione di Nagios può ritenersi ultimata. Non ci rimane che creare l’eseguibile flushcache all’interno della directory /usr/lib/nagios/plugins/eventhandlers/:

[root@NMS eventhandlers]# nano flushcache

il cui contenuto dovrà essere il seguente:

#!/bin/bash
if [ -n "$1" ];then
        case "$2" in
        OK)
                ;;
        WARNING)
                ;;
        UNKNOWN)
                ;;
        CRITICAL)
                case "$3" in
                SOFT)
                        case "$4" in
                        3)
                                echo -n "Flushing cache memory (3rd soft critical state)..."
                                /usr/lib/nagios/plugins/eventhandlers/connect_server.sh $1
                                ;;
                                esac
                        ;;
                HARD)
                        echo -n "Flushing cache memory..."
                        /usr/lib/nagios/plugins/eventhandlers/connect_server.sh $1
                        ;;
                esac
                ;;
        esac
else
        echo "Usage: flushcache <hostname>"
fi

exit 0

Dove $1 è la variabile $HOSTADDRESS$, $2 è il $SERVICESTATE$, $3 è il $SERVICESTATETYPE$ e $4 è il $SERVICEATTEMPT$ (sono semplicemente le variabili utilizzate nella definizione del comando flushcache in command.cfg).

Premesso che per il tipo di servizio local-service il max_check_attempts è impostato a 4 (nel file template.cfg), il suddetto codice bash non fa altro che interrogare la macchina target ($HOSTADDRESS), ricavando il $SERVICESTATE$ (OK, WARNING, UNKNOWN o CRITICAL), il $SERVICESTATETYPE$ (SOFT oppure HARD) ed il $SERVICEATTEMPT$ (ovvero il numero di check già eseguiti da Nagios nel caso in cui il $SERVICESTATE$ sia diverso da OK).

Il suddetto eseguibile prevede delle operazioni solo se il $SERVICESTATE$ è di tipo CRITICAL: in tal caso, al terzo check consecutivo (siamo ancora in SOFT state – parliamo di HARD state solo se il $SERVICESTATE$ è ancora CRITICAL dopo il quarto check), verrà lanciato l’eseguibile connect_server.sh (expect) che si occuperà di svuotare la cache della macchina monitorata. La suddetta operazione verrà eseguita nuovamente appena il $SERVICESTATETYPE$ passerà da SOFT a HARD.

Inoltre, tale eseguibile prevede come unico parametro in ingresso l’IP dell’host, ovvero $HOSTADDRESS$ (connect_server.sh $1).

Di seguito il sorgente relativo a connect_server.sh:

#!/usr/bin/expect

set hostname [lindex $argv 0]
set password "vostrapass"

spawn ssh -l root $hostname
expect "*assword:"
send "$password\n"
expect "#"
send "sync && echo 3 > /proc/sys/vm/drop_caches\n"
expect "#"
send "exit\n"
expect eof

Nella fattispecie, il comando vero e proprio che si occupa dello svuotamento della cache sulla macchina target è:

sync && echo 3 > /proc/sys/vm/drop_caches

A questo punto possiamo ricaricare la configurazione di Nagios per rendere effettive le suddette modifiche:

[root@NMS eventhandlers]# service nagios reload

ed abbiamo finito.

A presto.

Nagios e gli event handlersultima modifica: 2014-12-02T15:03:32+01:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento