Websockets e Squid Proxy

Ultimamente ho deciso di approfondire una tecnologia Web abbastanza recente, ovvero i Websockets. In particolare, essa consente di instaurare un tunnel di comunicazione client/server attraverso il protocollo HTTP, riducendo notevolmente, rispetto al classico longpolling tipico del linguaggio AJAX, la mole di traffico richiesta e soprattutto l’overhead del server. Mediante i Websockets sarà possibile inviare “gli aggiornamenti” al client “in tempo reale”, ovvero senza che l’utente debba effettuare i classici “refresh” della pagina Web.

In ambito open source esistono diverse implementazioni dei Websockets. Quella che preferisco in assoluto si basa sulla libreria socket.io, integrata ad un applicativo nodejs (quest’ultimo rappresenta una vera e propria rivoluzione poichè ha consentito di utilizzare un linguaggio di programmazione nato per i client, ovvero Javascript, come un vero e proprio linguaggio server-side).

Ora, effettuando alcuni test su un proxy Web (Squid per la precisione), ho notato che i tentativi di connessione verso il server nodejs (sfruttando quindi i Websockets), venivano sistematicamente bloccati.

squid

La spiegazione è molto semplice. Infatti, andando a visualizzare la configurazione di default del suddetto proxy, è possibile notare la presenza di tale parametro:

http_access deny CONNECT !SSL_ports

Tale direttiva impone a Squid di negare l’uso del metodo HTTP CONNECT da parte dei client nel caso in cui non si stia utilizzando il protocollo HTTPS (HTTP + SSL/TLS). Infatti, di per se, il protocollo HTTPS prevede l’instaurazione di un “tunnel” di comunicazione “sicuro” tra client e server, utilizzando, per l’appunto, il metodo CONNECT. Ora, tale metodo viene utilizzato anche dai Websocket per creare il “canale” di comunicazione HTTP con i client, ergo basta commentare la suddetta entry per consentire l’accesso ai client:

#http_access deny CONNECT !SSL_ports

Effettuiamo reload della configurazione di Squid mediante il comando

[root@webProxy ~]# squid -k reconfigure

ed il gioco è fatto.

Alla prossima.

Websockets e Squid Proxyultima modifica: 2015-01-26T22:00:45+01:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento