Logging con Varnish Cache

In questo post ho spiegato, a grandi linee, cos’è Varnish Cache ed a cosa serve. Il problema che mi ponevo era, sostanzialmente, quello di individuare l’IP sorgente delle richieste HTTP, in modo che il log di Apache (httpd) fosse in grado di tenerne traccia.

http, header http, client ip, logging, x-forwarded-for, varnishlog, backand, varnishncsa, httpd, apache

Infatti, nel caso in cui Varnish sia in esecuzione sulla stessa macchina su cui gira Apache, l’IP sorgente delle richieste HTTP sarà sempre e comunque 127.0.0.1 (aka localhost). In particolare, sarà Varnish ad intercettare le suddette richieste sulla porta 80 e, successivamente, ad inoltrarle al server Web di backend.

Sempre nel post in questione ho mostrato una direttiva del file di configurazione di Varnish (dafault.vcl), in cui viene manipolato il dato HTTP, modificandone l’header (precisamente considerando il campo X-FORWARDED-FOR come IP sorgente della richiesta, in modo da inserirlo nel file di log). Inutile dire che tale soluzione, seppure lecita, è sconveniente per due motivi:

1) manipolare i dati HTTP risulta in qualche modo oneroso in termini computazionali;

2) tale operazione potrebbe non andare a buon fine, in quanto il campo X-FORWARDED-FOR potrebbe essere vuoto.

Cosa fare dunque? Semplice, utilizzare due validi strumenti messi a disposizione da Varnish Cache, ovvero varnishncsa e varnishlog.

Il primo ci consente di salvare in un file di log apposito le richieste HTTP che Varnish ha preso in carico. Il secondo, invece, può essere facilmente customizzato, in modo da tenere traccia solo delle informazioni che ci interessano. Personalmente, ritengo che utilizzare entrambi per loggare il traffico utente sia inutile, ecco perchè uso varnishncsa per il logging delle richieste HTTP e varnishlog per tenere traccia delle comunicazioni con i backend.

Ma vediamo adesso come utilizzare i tool in questione (che su CentOS sono semplicemente dei demoni).

Per prima cosa avviamo varnishncsa utilizzando il comando:

[user@host varnish]# service varnishncsa start

Successivamente, facciamo in modo che il suddetto demone entri in esecuzione automaticamente su diversi runlevel, mediante il comando chkconfig:

[user@host varnish]# chkconfig --level 2345 varnishncsa on

A questo punto non ci rimane che configurare varnishlog. Se lanciamo il comando:

[user@host varnish]# varnishlog help

otteniamo una lista delle flag utilizzabili. Quella che a noi interessa è -b, ovvero si vuole imporre a varnishlog di registrare solo gli eventi relativi alla comuncazione con i backend (utile in caso di troubleshooting). Ecco uno stralcio del man che indica il significato della suddetta flag:

 -b     Include log entries which result from communication with a backend server.  If neither -b nor -c  is  specified, varnishlog acts as if they both were.

Modifichiamo il demone, posizionandoci nella directory /etc/init.d e digitando:

[user@host varnish]# nano varnishlog

Nella direttiva:

DAEMON_OPTS="-a -w $logfile -D -P $pidfile"

inseriamo la flag -b. Essa diventerà:

DAEMON_OPTS="-a -b -w $logfile -D -P $pidfile"

Ora impostiamo l’esecuzione automatica del demone in questione (come già fatto per varnishncsa):

[user@host varnish]# chkconfig --level 2345 varnishlog on

Infine, avviamolo:

[user@host varnish]# service varnishlog start

Adesso Varnish Cache sarà in grado di loggare tutti gli eventi che la coinvolgono.

Alla prossima.

Logging con Varnish Cacheultima modifica: 2012-11-05T09:00:00+01:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento