Reboot script per i router Draytek Vigor

Premesso che giornalmente devo “scontrarmi” con un Draytek Vigor 3300V, sono pian piano giunto alla conclusione che tale aggeggio abbia più difetti che pregi.

vigor3300.jpg

Ad esempio, il content filtering consente di bloccare al massimo 8 (e dico 8!) keyword e non ne vuole sapere di gestire l’HTTPS; la pagina relativa ai DDNS, nonostante la presenza delle credenziali per aggiornare l’associazione IP – FQDN, non inoltra alcuna richiesta al sito del provider e quindi i record A scadono; il server DHCP integrato non consente di settare delle normalissime exclusion su alcuni IP che rientrano nel pool ma che non devono essere assegnati a nessun utente.

Ora, potrei continuare quasi all’infinito, ma l’ultima bega che mi son dovuto accollare riguarda la gestione delle VPN. Si, esatto, questo fantastico router funge anche da VPN concentrator, riuscendo (per modo di dire) a gestire VPN IPSec, L2TP e PPTP. Peccato che ogni “tot” si incarti miseramente, lasciando fuori alcuni utenti che cercano di atterrare sulla LAN via VPN, mentre altri riescono tranquillamente ad accedere alla rete interna.

Ho provato a cercare una soluzione un pò più pulita rispetto al classico riavvio, ma credetemi se vi dico che non c’è (forse si potrebbe procedere con la disattivazione/riattivazione della VPN ma non sono sicuro che una cosa del genere non preveda comunque un reboot).

In definitiva, ecco lo scrip expect che mi permette di riavviare il router ogni notte:

#!/usr/bin/expect

set password1 "password"

exec date
spawn ssh -l draytek 10.1.10.1
expect "?"
send "yr"
expect "*?assword:*"
send "$password1r"
expect ">"
send "sys rebootr"
expect "?"
send "yr"
expect eof

Ovviamente l’esecuzione di tale scrip avviene mediante cron e non fa altro che connettersi al router, lanciare un sys/reboot ed uscire.

Attenzione però: dopo ogni riavvio il router cambia il proprio fingerprint SSH (non chiedetemi il perchè), quindi il suddetto scrip, dopo il primo riavvio, fallirebbe miseramente in quanto il client SSH, vedendosi cambiare di punto in bianco il fingerprint dell’host a cui sta provando a connettersi, penserebbe in un attacco MITM.

Per evitarè ciò è necessario editare il file /etc/ssh/ssh_config aggiungendo in testa le seguenti direttive:

Host 10.1.10.1
     StrictHostKeyChecking no
     UserKnownHostsFile=/dev/null

Infine, voglio precisare che il router è comunque dotato di un comando in grado di definire il reboot automatico (mi sa che gli stessi costruttori fossero a conoscenza del fatto che tale aggeggio tende ad incartarsi di continuo). Nonostante questo comando bundle, chiamato appunto autoreboot, ho preferito operare come indicato in precedenza per un semplice motivo:

DrayTek> sys autoreboot ?
 Full Name:
    auto reboot function
 Description:
 Syntax:
    autoreboot -s                                (Show status)
    autoreboot -e <Enable>
    autoreboot -t <Hours>
 Parameters:
    <Enable>                                         (0: Disable, 1: Enable)
    <Hours>                                          (Number of hours)

Si, avete capito bene, se volessi riavviare il router ogni mattina alle 3 (quindi esattamente ogni 24 ore) dovrei lanciare i comandi:

DrayTek> sys autoreboot -e 1

DrayTek> sys autoreboot -t 24

indovinate a che ora? ALLE 3 DEL MATTINO. No comment.

Alla prossima.

Reboot script per i router Draytek Vigorultima modifica: 2012-12-26T09:11:50+01:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento