Swatch: un sistema di logging proattivo per ambienti Unix-like

Un sistemista degno di questo nome dedica diverse ore della sua attività lavorativa alla lettura dei log. Ovviamente, poichè tale operazione spesso viene svolta dopo un po’ di tempo dalla generazione dei log stessi, è di fondamentale importanza utilizzare dei sistemi di logging proattivi, in grado cioè di “avvertire” l’amministratore del verificarsi di un qualche tipo di anomalia.

 

sysadmin_mug.jpg

Di software del genere ne esistono a miolioni ma in questo post ho deciso di concentrarmi su swatch per via della sua facilità d’uso e della sua flessibilità.

Infatti, grazie a swatch sarà possibile monitorare i diversi file di log generati sui nostri server, alla ricerca delle entry di nostro interesse.

Per installarlo è sufficiente lanciare il comando:

nightfly@nightbox:~$ sudo apt-get install swatch

Ad installazione completata verrà creato un file di configurazione all’interno della nostra home dir, il cui nome sarà .swatchrc.

Personalmente credo che per ragioni di sicurezza swatch debba utlizzare un file di configurazione accessibile in lettura ma non in scrittura (ovvero che non possa essere modificato da utenti illegittimi), appartenente a root. Inoltre, consiglio di salvare il file in questione all’interno della directory /etc (per omogeneità).

Generiamo quindi il file di configurazione, il cui nome sarà swatch.conf:

nightfly@nightbox:~$ sudo nano /etc/swatch.conf

in cui inseriremo un’unica regola, poichè ci troviamo ancora in fase di test:

#HTTP Forbidden
watchfor  /401/
       echo 
       mail addressess=vostro.indirizzo@email.it,subject=Failed Authentication

Grazie a questa entry, swatch ci avviserà via email ogniqualvolta si accorgerà che qualcuno ha provato a visualizzare una sezione riservata del sito Web presente sul nostro server (protetta mediante .htaccess).

Per fare in modo che swatch invii un’email immediatamente dopo aver individuato un determinato evento, occorre modificare il file /usr/share/perl5/Swatch/Actions.pm sostituendo:

if (! $args{'MAILER'} ) {
foreach my $mailer (qw(/usr/lib/sendmail /usr/sbin/sendmail)) {
$args{'MAILER'} = $mailer if ( -x $mailer );
}
if ($args{'MAILER'} ne '') {
$args{'MAILER'} .= ' -oi -t -odq';
}
}

con

if (! $args{'MAILER'} ) {
foreach my $mailer (qw(/usr/lib/sendmail /usr/sbin/sendmail)) {
$args{'MAILER'} = $mailer if ( -x $mailer );
}
if ($args{'MAILER'} ne '') {
$args{'MAILER'} .= ' -oi -t -odb';
}
}

Nel caso in cui decideste di non effettuare la modifica indicata in precedenza, swatch invierà le email dopo un lasso di tempo prefissato.

In alternativa, potete utilizzare i comandi bash per inviare gli alert alla vostra casella email. Per fare ciò, dovete creare una configurazione del tipo:

watchfor  /401/
exec echo 'SWATCH HOME: HTTP access forbidden: $_' | mail -iv -s "SWATCH HOME: Failed HTTP Authentication" vostro.indirizzo@email.it

Lanciamo quindi swatch con l’opzione -t (tail), ovvero in monitoraggio costante del file di log che andremo a specificare. Dovremo inoltre indicare qual è il file di configurazione a cui tale software dovrà riferirsi:

nightfly@nightbox:~$ swatch -c /etc/swatch.conf -t /var/log/apache2/ssl_access.log &

La & finale consente di lanciare il processo in background. Esiste anche l’opzione –daemon ma a quanto pare non accetta flag aggiuntive, quali -c o -t e monitorizza soltanto il file /var/log/messages.

Purtroppo swatch non consente di monitorare più file con un’unica istanza, quindi per fare ciò è necessario lanciare più istanze di tale programma, possibilmente utilizzando file di configurazione diversi a seconda del log che si intende tenere sotto osservazione.

Infine, è possibile mandare in esecuzione tale applicativo ad ogni avvio del nostro sistema operativo, semplicemente inserendo la seguente direttiva:

swatch -c /etc/swatch.conf -t /var/log/apache2/ssl_access.log

all’interno del file /etc/rc.local.

Fine del post, a presto.

Swatch: un sistema di logging proattivo per ambienti Unix-likeultima modifica: 2011-12-18T12:33:00+01:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento