Installazione e configurazione base di squidGuard

Grazie a squid ed alla sua estensione squidGuard è abbastanza semplice realizzare un proxy open-source in grado di filtrare i contenuti Web.

 

squidGuard

Supponendo che squid sia già presente sulla nostra macchina (in questo post è riportata l’intera procedura di installazione e configurazione), vedremo adesso come installare e configurare correttamente squidGuard.

Per prima cosa scarichiamo ed installiamo tale estensione digitando il comando:

nightfly@nightbox:~$ sudo apt-get install squidguard

Ora, affinchè squid possa utilizzare squidGuard per i redirect, occorre aggiungere la seguente stringa all’interno del file /etc/squid/squid.conf:

#Squidguard
redirect_program /usr/bin/squidGuard -c /etc/squid/squidGuard.conf

Fatto ciò, scarichiamo e scompattiamo le blacklist che verranno utilizzate da squidGuard per il content filtering:

nightfly@nightbox:~$ wget http://squidguard.mesd.k12.or.us/blacklists.tgz

nightfly@nightbox:~$ tar -xvf blacklists.tgz

nightfly@nightbox:~$ cd blacklists/

Copiamo tutto il contenuto della dir blacklists all’interno di /var/lib/squidguard/db:

nightfly@nightbox:~/blacklists$ sudo cp -R * /var/lib/squidguard/db

Compiliamo successivamente le blacklist appena scaricate:

nightfly@nightbox:~/blacklists$ sudo squidGuard -d -C all

Adesso cambiamo l’owner (sia a livello di gruppo che a livello di singolo utente) per la directory db il cui path è /var/lib/squidguard/db:

nightfly@nightbox:~$ sudo chown proxy:proxy -R /var/lib/squidguard/db

Modifichiamo, inoltre, il file squidGuard.conf presente nella dir /etc/squid inserendo le seguenti direttive:

dbhome /var/lib/squidguard/db/blacklists
logdir /var/log/squid

dest aggressive {
        domainlist aggressive/domains
        log verbose aggressive.log
}

dest gambling {
        domainlist gambling/domains
        log verbose gambling.log
}

dest hacking {
        domainlist hacking/domains
        log verbose hacking.log
}

dest porn {
        domainlist porn/domains
        log verbose porn.log
}

dest proxy {
        domainlist proxy/domains
        log verbose proxy.log
}

dest redirector {
        domainlist redirector/domains
        log verbose redirector.log
}

dest spyware {
        domainlist spyware/domains
        log verbose spyware.log
}

dest suspect {
        domainlist suspect/domains
        log verbose suspect.log
}

dest violence {
        domainlist violence/domains
        log verbose violence.log
}

dest warez {
        domainlist warez/domains
        log verbose warez.log
}

acl {
        default {
                pass !aggressive !gambling !hacking !porn !proxy !redirector !spyware !suspect !violence !warez
                redirect http://192.168.1.2/block.html
        }
}

Così facendo, abbiamo definito l’acl default che nega (!) l’accesso ai siti contenuti nelle varie blacklist (ads, aggressive, audio-video, ecc.), consentendo tutto il resto.

In aggiunta, abbiamo deciso di loggare tutto ciò che viene negato o consentito da ciascuna blacklist. Tali log verranno salvati all’interno della dir /var/log/squid e per fare in modo che squidGuard sia in grado di scriverci dentro sarà necessario modificare il loro owner con il seguente comando:

nightfly@nightbox:~$ sudo chown proxy:proxy -R /var/log/squid/*.log

L’ultimo passo consiste nel realizzare la pagina su cui verranno reindirizzati gli utenti quando tenteranno di accedere ad un sito Web non consentito:

nightfly@nightbox:~/blacklists$ cd /var/www

nightfly@nightbox:~/blacklists$ sudo nano block.html

<html>
<head>
<title>Proibito</title>
</head>
<body>
PROIBITO
</body>
</html>

Ovviamente tale pagina (estremamente semplice e scarna) rappresenta solo un esempio. Potete infatti sbizzarrirvi e creare una pagina Web ad hoc, inserendo all’interno di essa il logo aziendale, eventuali indirizzi email per contattare gli amministratori, ecc.

Rendiamo effettive le nuove impostazioni aggiornando la configurazione di squid attraverso il comando:

nightfly@nightbox:/var/www$ sudo squid -k reconfigure

ed abbiamo finito.

A presto.

Installazione e configurazione base di squidGuardultima modifica: 2011-06-28T19:32:22+02:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento