Servizio de “Le Iene” sugli hacker: alcune riflessioni

Tempo fa, durante uno dei rari momenti di relax davanti alla TV, mi sono imbattuto in un servizio de “Le Iene” in cui veniva intervistato un presunto hacker. Se non sapete di cosa sto parlando, date un’occhiata qui:

http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/162355/toffa-il-pericolo-hacker.html

Ora, fondamentalmente le cose che vengono dette all’inizio sembrano piuttosto sensate e corrette. Mi riferisco alla definizione di hacker come qualcuno di estremamente curioso e capace, spinto solo ed esclusivamente dalla voglia di conoscere i sistemi in modo approfondito e dalla volontà di esplorare ambienti che dovrebbero restare ad eccesso limitato. Ciò implica anche il non voler danneggiare il sistema bucato, limitandosi ad osservarlo nella sua complessità senza intaccarne minimamente la struttura. Questa è la caratteristica peculiare degli hacker, per la precisione degli ethical hacker, tipologia che rientra pienamente nella schiera dei white hat.

Poi però il presunto hacker ammette di aver sviluppato un trojan per analizzare un pc bucato in precedenza… ed in questa pratica c’è ben poco di “etico”. Altra affermazione che non mi convince: secondo lui, i virus vengono creati per lo più da ragazzini, spinti semplicemente da finalità ludiche. Sbagliato: ormai sviluppare trojan, virus, worm e malicious software in genere è diventato quasi un business, sia per le società di sicurezza che per coloro i quali vogliono sottrarre dati sensibili agli utenti (la Russian Business Network vi dice qualcosa?), come numeri di carte di credito, password, documenti altamente confidenziali, ecc.

Dopodichè, l’intervistato afferma che sarebbe buona norma criptare i file salvati sull’HD: correttissimo, anzi a tal proposito vi consiglio di utilizzare il software gratuito e multipiattaforma TrueCrypt.

La cosa che mi lascia maggiormente perplesso, però, è la dimostrazione pratica di un “hacking”. Viene infatti mostrato quanto il PC di un normalissimo utente possa risultare vulnerabile ad eventuali attacchi esterni. Ma andiamo con ordine.

Per prima cosa viene inviata alla vittima un’email provvista di allegato. Tale allegato sembrerebbe una normalissima immagine. In realtà, mediante un software sviluppato ad hoc (total binder) all’interno del file immagine è stato incapsulato un eseguibile. Una volta che il malcapitato di turno apre l’allegato, l’eseguibile (un comunissimo trojan horse) si installa in una cartella di sistema e, mediante lo scheduler di Windows, verrà avviato automaticamente al boot del sistema operativo. Fin qui sembrerebbe tutto semplice e quasi banale, ma affinchè un trucchetto del genere riesca devono verificarsi tutta una serie di situazioni concomitanti del tipo:

1) l’utente è così tanto naive da non sapere che gli allegati delle email provenienti da indirizzi sconosciuti non devono mai essere aperti;

2) il PC della vittima è sprovvisto di un antivirus, che gli segnalerebbe il file malevolo ancor prima di aprire l’allegato (chiamasi scansione della mail);

3) il PC della vittima è collegato ad Internet mediante un semplice modem e non attraverso un router. Basterebbe infatti un semplice NAT per fare in modo che il trojan, seppur installato, non riesca a comunicare con la rete pubblica e quindi con l’attaccate.

4) sul pc della vittima non è attivo alcun firewall, nemmeno quello integrato ai sistemi operativi di casa Microsoft.

Morale della favola: tale dimostrazione è solo una spettacolarizzazione di tecniche di cracking banalissime, usate per lo più dagli script kiddie di turno. Nel complesso, non dico che tale servizio sia un tipico esempio di disinformazione, ma poco ci manca.

A presto.

Servizio de “Le Iene” sugli hacker: alcune riflessioniultima modifica: 2011-02-17T16:07:21+01:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Servizio de “Le Iene” sugli hacker: alcune riflessioni

Lascia un commento