Joomla! o non Joomla!: questo è il problema

Joomla! o non Joomla!: questo è il problema. Già, proprio così, ed è anche un problema abbastanza serio. Da quando è nato questo magnifico CMS (insieme ai suoi fantastici fratelli, quali Drupal, Mambo e compagnia bella) la vita per noi web-developer (se così possiamo definirci) è diventata quasi un inferno. Ed è così che mi ritrovo magicamente in una sorta di limbo, in cui programmare vecchio stile è diventata una pratica fuori moda, per non dire sconveniente e controproducente. Parole grosse le mie? Forse, ma rispecchiano (quasi interamente) la realtà. Ed è così che giornalmente devo fare i conti con un branco di wannabe web-developer che si vantano di questa o quell’applicazione, di questo o di quel portale, nonostante la loro unica abilità consista nel saper installare qualche plugin di Joomla! e saper rimuovere (non con poche difficoltà) qualsiasi richiamo al vero creatore dell’applicazione. Ma che senso ha tutto questo? Cosa ne è del controllo del codice, della logica di programmazione, dell’analisi dei requisiti, ecc.?

Così finiremo per ritrovarci in un mondo fatto per il 90% da finti programmatori PHP e da finti webmaster, che rivendono i loro lavori per 4 soldi (ho visto portali venduti alla modica cifra di 190 €), perchè effettivamente di risorse mentali per le loro creazioni ne hanno impiegate ben poche.

E che dire poi dell’aspetto relativo alla sicurezza? Se io sul mio portale (relativamente sicuro) installo un plugin di un “indiano” semi-sconosciuto e semi-ignorante che non ha provveduto a realizzare i meccanismi più elementari di controllo dell’input e che crede che OWASP sia una specialità culinaria turca, posso dire allegramente addio a tutte le altre politiche di sicurezza, ed il defacing sarà solo questione di tempo.

C’è poi la questione dei colloqui di lavoro. Direte voi: cosa diamine c’entrano i colloqui di lavoro con Joomla!? C’entrano… eccome! Alla domanda (che puntualmente mi viene posta) “conosci Joomla!?” Io puntualmente rispondo: “si, ma faccio volentieri a meno di usarlo!”. Ed ecco che negli occhi del mio interlocutore leggo (non necessariamente in quest’ordine): smarrimento, delusione, derisione e compassione, seguite dalla fatidica frase: “ti faremo sapere”. E la mia reazione è sempre la stessa: no comment (anche se dovrei reagire in modo diverso, ad esempio chiedendogli se conosce il significato dei tag <tr> e <td>).

Certo, Joomla! è intuitivo da usare, ci semplifica notevolmente la vita ma… ricordate… non è tutto oro quello che luccica!

Alla prossima.

Joomla! o non Joomla!: questo è il problemaultima modifica: 2010-06-29T00:22:44+02:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Joomla! o non Joomla!: questo è il problema

Lascia un commento