Fingerprint SSH su macchine *nix

Mi sono sempre chiesto come venisse generato il fingerprint SSH sulle macchine *nix, grazie al quale è possibile identificare in modo univoco il server al quale ci si sta connettendo (in barba ad eventuali attacchi MITM).

sshIn soldoni, la prima volta che ci si connette al server, sul nostro client (nel file known_hosts) viene salvata una entry contenente FQDN, IP, tipologia di chiave (ad esempio ssh-rsa) e chiave pubblica codificata in base64.

Successivamente, ad ogni nuova connessione, verrà comparato il fingerprint restituito dal server remoto con quello calcolato sulla chiave pubblica salvata nel file known_host. Se i due fingerprint corrispondono significa che il server a cui ci si sta collegando è quello lecito.

Ma come viene calcolato questo fingerprint? Semplice, ottenendo il digest MD5 dalla chiave pubblica del server remoto salvata nel file known_hosts (e quindi codificata in base64).

Ecco il comando:

[root@client ~]# echo 'AAAAB3NzaC1yc2EAAAABIwAAAQEA0wpEu8edkvPEXqMw7nzOG/fEGE5sZCbwYnECEzlMuYi6DPSWuPJfq4U/N2Gp8RZjXQCs9TrZM91t8GIxxLuae1cZ6kelx+h1tlbh1Rj/n+qzYtjVF4XH4qHfV7Ch7nOBplKKxsNRPb7VtxYzoqgiQEi9xqN0Fgj2GcgxYAHq79qk1lvXGNVJGkDtHpt2x2/BmRLkceyId+xMflq2D4QIvEp8m4leAbYZ04ZU6/Dt44xkA1HQcpZ9ivs8OGoGclPD4QJn80+hy7E0p+O7sAQ3DeAGkoZi8ufOmYG9r4DtvnQJplTffVQwmU9y8dBH9/zit1kawkZscG6yzW2BdrhrGH==' \
    | base64 -d | md5sum

il cui output sarà:

414bb2dbd1ba63e6b16117a2abc20bb2

ovvero il fingerprint del server remoto senza i : ogni 2 digit (41:4b:b2:db:d1:ba:63:e6:b1:61:17:a2:ab:c2:0b:b2)

Alla prossima.

Fingerprint SSH su macchine *nixultima modifica: 2014-10-03T18:06:04+02:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento