Nagios: monitoraggio degli host senza ricorrere ai ping

Come misura (molto blanda) di protezione per i server che gestisco (esposti su Internet), ho deciso di inibire le risposte ai ping (in gergo tecnico ICMP echo reply).

 

nag.jpg

Però, poichè ho la necessità di monitorare l’effettiva raggiungibilità di tali host, ho pensato di implementare un ckeck basato esclusivamente sul protocollo SSH. In particolare, ho effettuato le seguenti operazioni:

1) ho creato un gruppo nagios specifico, che ho chiamato noping-host. Per fare ciò mi sono posizionato nella directory /etc/nagios3/conf.d ed ho lanciato il comando:

nightfly@nightbox:/etc/nagios3/conf.d$ sudo nano noping-host_nagios2.cfg

il contenuto del suddetto file è il seguente:

define host{
        name                            noping-host    ; The name of this host template
        notifications_enabled           1       ; Host notifications are enabled
        event_handler_enabled           1       ; Host event handler is enabled
        flap_detection_enabled          1       ; Flap detection is enabled
        failure_prediction_enabled      1       ; Failure prediction is enabled
        process_perf_data               1       ; Process performance data
        retain_status_information       1       ; Retain status information across program restarts
        retain_nonstatus_information    1       ; Retain non-status information across program restarts
                check_command                   check_ssh_port!2293
                max_check_attempts              10
                notification_interval           0
                notification_period             24x7
                notification_options            d,u,r
                contact_groups                  admins
        register                        0       ; DONT REGISTER THIS DEFINITION - ITS NOT A REAL HOST, JUST A TEMPLATE!
        }

Come potete notare, alla direttiva check_command è associato il comando da lanciare per verificare la raggiungibilità dell’host, ovvero check_ssh_port!2293, dove 2293 è la porta su cui è in ascolto SSH.

2) ho creato il file relativo all’host da monitorare, lanciando il comando:

nightfly@nightbox:/etc/nagios3/conf.d$ sudo nano host-remoteserver_nagios3.cfg

il cui contenuto è il seguente:

define host {
        host_name   remoteserver
        alias       remoteserver
        address     remoteserver.homeip.net
        use         noping-host
        }

dove remoteserver.homeip.net è l’hostname pubblico della macchina che vogliamo monitorare.

Infine riavviamo nagios:

nightfly@nightbox:/etc/nagios3/conf.d$ sudo service nagios3 restart

ed abbiamo finito.

Alla prossima.

Nagios: monitoraggio degli host senza ricorrere ai pingultima modifica: 2012-05-22T08:30:00+02:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento