Script bash per il backup automatico di un database

Dovendo gestire diversi database su più server ho avuto la necessità di creare uno scripino che automatizzasse la creazione dei loro backup. Riporto quindi lo scrip per intero e successivamente provvederò a spiegare le varie sezioni del codice, anche se a primo acchito tutto dovrebbe apparire piuttosto chiaro.

#!/bin/bash

data=$(date +"%d_%b_%y")

montaggio=$(mount | grep /media/disk)

#File di log
FILELOG=/var/log/backup

ROOT_UID=0

if [ "$UID" -ne "$ROOT_UID" ];then

ERRORE1="Errore 1: Devi essere root per eseguire lo scrip"
echo $ERRORE1
echo "$(date) $ERRORE1" >> $FILELOG

exit 1

fi

if [ ! -n "$montaggio"  ]; then

mount /media/disk

fi

if [ ! -d /media/disk/backup/ ]; then

cd /media/disk

mkdir /media/disk/backup

fi

cd /media/disk/backup

mysqldump nomedatabase -u username -pvostrapassword > database_$data.pl

exit 0

Per prima cosa salvo all’interno della variabile “data” l’output del comando date formattato nel seguente modo:

giorno_prime 3 lettere del mese (in inglese)_anno

successivamente definisco all’interno della variabile FILELOG il pathname relativo al file su cui verranno loggati i vari messaggi di errore dello scrip, in questo caso /var/log/backup. Dopodichè mi accerto che lo scrip venga eseguito da root, poichè lo stesso verrà dato in pasto a cron per essere eseguito con tali privilegi.

A questo punto verifico che l’hard disk secondario sia montato, eseguendo il comando:

mount | grep /media/disk

Se tale comando restituisce una stringa vuota eseguo il mount dell’hard disk secondario e successivamente mi posiziono in /media/disk.

Ora devo verificare che la cartalla backup sia presente in /media/disk. Se non lo è provvedo a crearla (in realtà tale operazione verrà effettuata soltanto durante la prima esecuzione dello scrip).

Bene, posso quindi posizionarmi in /media/disk/backup e successivamente effettuare il dump del database mediante il comando mysqldump. Notate che tra la flag -p e la password per accedere al database non vi sono spazi. Inoltre, il dump verrà salvato in un file il cui nome è costituito dalla stringa database_dataattuale.pl, ad esempio:

database_01_Jul_01.pl

Abbiamo quasi finito, non ci resta che creare un binario criptato (RC4) partendo dal nostro scrip, poichè quest’ultimo contiene diverse informazioni critiche, quali, ad esempio, username e password di accesso al database.

Per fare ciò possiamo utilizzare una semplice applicazione, ovvero shc (il sito ufficiale è il seguente: http://www.datsi.fi.upm.es/~frosal/)

Scarichiamo tale applicazione tramite wget:

wget http://www.datsi.fi.upm.es/~frosal/sources/shc-3.8.7.tgz

Scompattiamo la tarball:

tar -xvf shc-3.8.7.tgz

e posizioniamoci nella cartella tar -xvf shc-3.8.7:

cd shc-3.8.7/

Lanciamo il make:

make

Dopodichè facciamo un test per verificare che tale operazione sia andata a buon fine:

make test

Se non ci sono errori dovremmo vedere lo scrip shc presente nella dir shc-3.8.7

Ora trasformiamo il nostro scrip per il backup in eseguibile mediante il comando:

./shc -f /home/nomeutente/database

dove database è il nome del nostro scrip.

Se non ci sono problemi di sorta dovremmo ritrovarci i seguenti 2 file nella nostra home:

database.x e database.x.c

Copiamo ora database.x nella dir /usr/bin/

sudo cp database.x /usr/bin

Infine, mediante cron, scheduliamo l’esecuzione di database.x alle 20 e 30 di ogni sera:

sudo nano /etc/crontab

30 20   * * *   root    backupdb.x > /dev/null 2>&1

redirigendo lo standard output e lo standard error su /dev/null.

Il nostro scrip per il backup giornaliero dei database è finalmente pronto.

See ya.

PS: ovviamente se abbiamo a che fare con database di grandi dimensioni eseguire un backup giornaliero è sconsigliato, sarebbe meglio eseguire backup settimanali o mensili.

PPS: inutile dire che tale scrip supporta solo MySQL.

Script bash per il backup automatico di un databaseultima modifica: 2010-07-02T15:15:25+02:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Script bash per il backup automatico di un database

Lascia un commento