CentOS 6 e Postfix: tenere a bada il fenomeno denominato backscatter

In questo e questo post ho mostrato come configurare Postfix in modo da farlo funzionare come antispam. In quest’altro post, invece, ho illustrato la configurazione di postgrey e qui ho parlato di opendkim e di come integrarlo a Postfix.

Adesso vedremo come mitigare un fenomeno tipico dello spam e sempre più in aumento, ovvero il backscatter.

postfixUn po’ di teoria

Supponiamo che uno spammer voglia utilizzare il vostro dominio come mittente di una mail fraudolenta appositamente forgiata, da inoltrare ad un server SMTP autoritativo per un dominio X, che chiameremo dominiotarget.com.

La sequenza dei comandi che lo spammer utilizzerà sarà simile alla seguente:

ehlo mail.dominiotarget.com
mail from:<pluto@vostrodominio.com>
rcpt to:<pippo@dominiotarget.com>
data
some data
.
quit

Come potete notare, lo spammer ha utilizzato il vostro dominio (mail from:) come mittente della mail di spam che intende inviare ad utente@dominiotarget.com.

Supponiamo adesso che, per qualche ragione, il server SMTP di dominiotarget.com respinga la suddetta email fraudolenta (poichè, ad esempio, non esiste la mailbox pippo@dominiotarget.com), generando, successivamente, un messaggio apposito per indicare che tale email è stata respinta (mail bounced). Tale messaggio di “errore” verrà successivamente inoltrato al server SMTP autoritativo (ovvero quello specificato nei record MX della zona DNS) per vostrodominio.com.

A questo punto, se non opportunamente configurato, il vostro server SMTP riceverà il suddetto messaggio e lo inoltrerà alla casella di posta dell’utente spoofato dallo spammer, ovvero pluto@vostrodominio.com (se esiste), oppure verrà semplicemente scartata. Nel primo caso si rischia di saturare abbastanza velocemente la casella email del malcapitato utente (soprattutto se dotata di DISK QUOTA); nel secondo caso, invece, si rischia di creare eccessiva entropia, non consentendo all’amministratore della macchina di discernere (ad esempio attraverso l’analisi del file maillog) tra le email di backscatter e quelle che sono state respinte per un motivo lecito.

Come fare dunque per limitare tale fenomeno? Ecco alcune possibili soluzioni.

Utilizzare SPF

Se il server SMTP di dominiotarget.com è stato configurato in modo da utilizzare il framework SPF, e nella vostra zona DNS è presente un record di tipo TXT che specifica l’elenco dei server che possono inviare email utilizzando vostrodominio.com, esso sarà in grado di bloccare il tentativo di inoltro senza inviare alcun messaggio di errore al vostro server SMTP. Purtroppo però l’SPF non è configurato su tutti i server SMTP sparsi per la Rete, ergo bisogna correre ai ripari configurando opportunamente Postfix sul server antispam che intendiamo utilizzare.

Configurazione di Postfix

Per prima cosa occorre fare in modo che le email dirette a caselle di posta non esistenti vengano automaticamente respinte. Per fare ciò è possibile configurare la seguente direttiva all’interno del file /etc/postfix/main.cf:

unknown_local_recipient_reject_code = 550

Tale settaggio rappresenta comunque un’ottima prima difesa contro il backscatter, poichè, nella stragrande maggioranza dei casi, lo spammer forgerà delle email pseudorandomiche da utilizzare come mittente, del tipo AjsheUbjdX@vostrodominio.com. Esistono, però, dei casi particolari in cui lo spammer è a conoscenza di alcuni indirizzi leciti (ed attivi) su vostrodominio.com, ragion per cui occorre affinare ulteriormente la nostra opera di filtraggio. In particolare, è possibile impostare delle regole opportune basate su espressioni regolari in grado di “capire” quando un messaggio di mail bounced è stato causato dal backscatter e quando no. Tali regole potranno essere applicate durante l’analisi dell’header e del corpo del messaggio.

Ad esempio, possiamo popolare il file /etc/postfix/header_checks con le seguenti direttive:

if /^Received:/
/^Received: +from +(vostrodominio\.com) +/
        reject forged client name in Received: header: $1
/^Received: +from +[^ ]+ +\(([^ ]+ +[he]+lo=|[he]+lo +)(vostrodominio\.com)\)/
        reject forged client name in Received: header: $2
/^Received:.* +by +(vostrodominio\.com)\b/
        reject forged mail server name in Received: header: $1
endif
/^Message-ID:.* <!&!/ DUNNO
/^Message-ID:.*@(vostrodominio\.com)/
        reject forged domain name in Message-ID: header: $1

Inoltre, le suddette entry dovranno essere collocate anche all’interno del file /etc/postfix/body_checks.

Infine, è necessario editare il file /etc/postfix/master.cf come segue:

body_checks = pcre:/etc/postfix/body_checks

header_checks = pcre:/etc/postfix/header_checks

Da notare che non occorre postmappare i suddetti file ed è sufficiente un semplice reload di Postfix per rendere effettive le modifiche apportate:

[root@antispam ~]# service postfix reload

Adesso il nostro server antispam sarà sicuramente in grado di filtrare un gran numero di messaggi di backscatter ma non sarà comunque a prova di bomba (ecco perchè ho parlato di “mitigare” e non di “bloccare” tale fenomeno). Ciò è dovuto al fatto i messaggi di mail bounced possono variare sia nella sostanza che nella forma in base all’applicativo che funge da SMTP, rendendo comunque possibile l’eventualità che esso non venga matchato dai filtri appena configurati.

A presto.

CentOS 6 e Postfix: tenere a bada il fenomeno denominato backscatterultima modifica: 2016-01-18T09:50:13+00:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “CentOS 6 e Postfix: tenere a bada il fenomeno denominato backscatter

Lascia un commento