Centos 6 e snmptrapd: ricevere le trap SNMP sulla nostra linux box

Il protocollo SNMP, nativamente, ci mette a disposizione 2 modalità di funzionamento: quella classica, basata sul semplice polling, che utilizza la porta UDP 161, e quella “asincrona”, le cosiddette trap, che utilizzano la porta UDP 162.

Va da se che la seconda modalità è migliore rispetto alla prima, in quanto ci consente di ricevere un allarme quasi in tempo reale, dato che è proprio il dispositivo monitorato a generare l’evento (trap) ed a inoltrarcelo.

snmptrap

Ma vediamo ora come configurare la nostra linux box in modo da farle accettare (e loggare) le suddette trap.

Iptables

La prima cosa da fare consiste nel consentire il traffico UDP in ingresso, sulla porta 162:

iptables -I INPUT -p udp --dport 162 -j ACCEPT

Ovviamente tale regola iptables può essere ulteriormente affinata, specificando, ad esempio, l’interfaccia in ingresso (-i), l’IP sorgente (-s) e l’IP di destinazione (-d).

Configurazione di snmptrapd

Adesso occorre configurare il demone che si occupa della ricezione delle trap, ovvero snmptrapd.

Il suo file di configurazione è /etc/snmp/snmptrapd.conf, il cui contenuto dovrà essere simile al seguente:

authCommunity log,execute,net keypublic
format1 %l-%m-%y %h:%j:%k from %A: %b %P %N %W %v\n
format2 %l-%m-%y %h:%j:%k from %A: %b %P %N %W %v\n

La prima entry specifica la community string (keypublic) e le azioni che snmptrapd può effettuare alla ricezione delle trap, ovvero loggarle (log), eseguire un evento specifico tramite handler (execute) oppure inoltrarle ad un altro dispositivo connesso in rete (net).

Mediante le direttive format1 e format2 (utilizzare, rispettivamente, nell’ambito del protocollo SNMPv1 e v2c), specifichiamo il formato del file di log in cui verranno salvate le trap ricevute. In particolare, con:

%l-%m-%y %h:%j:%k

indichiamo il timestamp nel formato giorno-mese-anno ora:minuto:secondo.

Utilizzando invece:

from %A

siamo in grado di loggare il nome del dispositivo che ci ha inviato la trap, mentre con:

%b

ricaviamo l’indirizzo IP del suddetto dispositivo.

Infine, con:

 %P, %N, %W

abbiamo rispettivamente la community string utilizzata dalla trap, la stringa enterprise (che identifica univocamente il produttore del dispositivo) e la descrizione della trap. Ecco un esempio del contenuto del file di log popolato da snmptrapd:

23-7-2015 10:9:0 from 10.12.12.3: UDP: [10.12.12.3]:62741->[10.12.12.2] TRAP, SNMP v1, community keypublic VMWARE-CIMOM-MIB::vmwCimOm Enterprise Specific VMWARE-ENV-MIB::vmwEnvIndicationTime.0 = STRING: 2015-7-23,8:8:59.0

Occorre notare che le trap non vengono ricevute (e loggate) in formato numerico, in quanto sulla linux box sono presenti le MIB (scritte attraverso il linguaggio SMI) specifiche per i dispisitivi monitorati (in questo caso degli host VMWare). Solo a titolo informativo, le suddette MIB vanno salvate all’interno della directory /usr/share/snmp/mibs/.

 Opzioni di avvio

Una volta configurato, snmptrapd deve essere avviato utilizzando determinate opzioni, affinchè il processo di logging venga effettuato secondo le nostre necessità. Il file in cui specificare tali opzioni è /etc/sysconfig/snmptrapd, il cui contenutò dovrà essere simile al seguente:

OPTIONS="-A -m ALL -M /usr/share/snmp/mibs -Lf /var/log/snmptrapd.log -p /var/run/snmptrapd.pid"

dove l’opzione -A indica la modalità di scrittura del file di log (append); -m ALL indica la necessità di utilizzare tutte le MIB presenti sul sistema; -M serve a specificare il pathname delle MIB; -Lf indica il file di log ed infine -p punta al pathname del file *.pid (process ID) associato al demone in questione.

Rotazione del file di log

Naturalmente un file di log troppo grande risulta molto più difficile da consultare, ergo occorre definire delle regole di rotazione utilizzando lo strumento messo a disposizione dalla nostra linux box, ovvero logrotate. In particolare, il contenuto del file snmptrapd presente nella directory /etc/logrotate.d dovrà essere il seguente:

/var/log/snmptrapd.log {
    rotate 10
    missingok
    notifempty
    sharedscripts
    delaycompress
    copytruncate
    weekly
    postrotate
        /sbin/service snmtrapd restart > /dev/null 2>/dev/null || true
    endscript
}

Tra le suddette opzioni, quella più importante è certamente copytruncate, senza la quale, dopo ogni rotazione, il file di log non sarebbe in grado di registrare nuovi eventi.

Ora che è tutto configurato possiamo avviare il demone:

[root@linuxbox ~]# service snmptrapd start

e fare in modo che venga eseguito automaticamente dopo ogni boot:

[root@linuxbox ~]# chkconfig snmptrapd on

Invio tramite email delle trap di allarme

L’ultimo step consiste nel fare in modo che tutte le trap di allarme vengano inviate sulla nostra mailbox. Per fare ciò si può utilizzare swatch, il cui file di configurazione (/etc/swatch_snmp.conf) dovrà essere simile a questo:

#SNMP TRAP ALERT
watchfor  /Alert|alert/
     echo
     mail addresses=vostro.indirizzo\@email.it,subject=SWATCH LINUX-BOX: SNMP TRAP ALERT

Editiamo il file /etc/rc.local in modo da avviare automaticamente swatch ad ogni boot della macchina:

swatch -c /etc/swatch_snmp.conf -t /var/log/snmptrapd.log &

Lanciamo il comando:

[root@linuxbox ~]# swatch -c /etc/swatch_snmp.conf -t /var/log/snmptrapd.log &

ed abbiamo finito.

Alla prossima.

Centos 6 e snmptrapd: ricevere le trap SNMP sulla nostra linux boxultima modifica: 2015-07-23T10:58:27+00:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento